• header progetto

Bicocca oggi

Il progetto di recupero e urbanizzazione dell'area di Bicocca ebbe inizio negli anni ottanta. Alla base del Progetto, come disse Leopoldo Pirelli, vi era l'intenzione di riconnettere l'area dello stabilimento Pirelli con il tessuto urbano circostante, in moda da rendere l'area di Bicocca un punto di riferimento Milano Nord. Proprio questa zona stava infatti attraversando in quegli anni un processo di cambiamento sociale e territoriale. Il progetto del Gregotti voleva "perseguire caratteri di semplicità generale, restando il più fedele possibile alla precedente conformazione dell'area", come lui stesso affermò.
L'area al di là del viale Sarca fu la prima ad essere riedificata. Le aree verdi del centro sportivo, a sud, furono cedute al Comune. Nel dicembre del 1991 venne inaugurato il primo corso di laurea in Scienze Ambientali all'Università di Milano Bicocca.
In seguito, il progetto subì notevoli trasformazioni rispetto ai disegni iniziali, tanto che gli spazi inizialmente destinati al polo tecnologico vennero convertirsi in spazi per l'Università ed in edifici ad uso terziario.
Invece, nell'area vicina al Borgo Pirelli, utilizzando il materiale nobile di scavo, venne realizzata la Collina dei Ciliegi. Contemporaneamente vennero ultimati i primi complessi residenziali, con materiali di rivestimento analoghi agli edifici destinati ad uso universitario.
Nel 1996 si iniziò a pensare di poter collocare in zona un nuovo Teatro che sostituisse quello della Scala, visto che in quegli anni era in ristrutturazione. Venne così aperto cinque anni più tardi il Teatro degli Arcimboldi, che si impose dopo la riapertura della Scala come secondo teatro cittadino.
La storica torre di raffreddamento, ormai inattiva, venne inscatolata in una gigantesca copertura in ferro e cemento, rivestita frontalmente in vetro, e divenne il quartier generale Pirelli. L’intero quartiere venne tagliato da una moderna tramvia, tuttora attiva, prolungata poi fino al nuovo deposito di Precotto.
Nel 2005, a distanza di vent’anni esatti da quando venne indetto il concorso, il progetto Bicocca poté dirsi ultimato. Tuttavia il progetto non si ferma qui e vede numerosi interventi in atto, alcuni ancora in corso di realizzazione.